mercoledì 22 maggio 2013

MATERASSI BOLLENTI

Sto sviluppando un'insana passione per i materassi.
Il ché non significa che io sia diventata una tigre da letto ma è semplicemente la conseguenza di lunghe nottate passate a girarmi e rigirari a destra e sinistra e di risvegli con mani puntate alle anche, maledicendo tutto ed inveendo contro tutto:
"Oooohhhh la mia schiena"
 "Ahhhhhh il mio collo"
 "Hiiiii le mie spalle".
Se un giorno capiterete in edicola da me e vi saluterò con la testa all'altezza della vostra cintura, sappiate che non mi sto allacciando le scarpe, e nemmeno saranno avances particolari ma semplicemente sarò rimasta vittima dell'ennesimo di colpo della strega.
Mi alzo ogni mattina tipo un reduce dalla battaglia delle Termopili. 
Ho imparato almeno 4 tipi diversi di "saluti al sole" yogici per riportare la mia schiena ad un livello decente. 
Non potrò passare da bradipo a scoiattolo tutto in una volta, ma almeno un cavolo di pandino 38 anni posso ancora esserlo!
Praticamente tutto questo mi ha  portato ad una maniacale ricerca del "letto perfetto". 
Sì.  Qualcuno mi fermi  perché sto comprando doghe e materassi a go-go.
Per lo più mi faccio un culo grande come una casa.
 I materassi e le doghe, si sa, non sono propriamente "maneggevoli". Li compro, li sbatto sul letto, li provo e se non vanno bene  li incarto e li porto sul solaio. 
D'altronde non si possono collezionare materassi come si fa con le conchiglie, e nemmeno è possibile posizionarli per bellezza, in qualche angolo della casa a mo' di soprammobili.
Dopo il fatale materasso dell'Ikea (qualcuno poi mi spiegherà  perché mettono i letti in prova se poi ti guardano come un'aliena mentre ti ci rotoli sopra emulando il modo in cui ronfi la notte) che mi è costato sudore e fatica, ho deciso di avventurarmi nel mondo dei materassi on line.
Al giorno d'oggi chiunque vende materassi on line. Ce ne sono di ogni tipo: in lattice, in memory, a molle, in poliuretano, in schiuma. 
Guerreggiano tra loro a suon di sconti e consegne veloci.
Compri un materasso a Tortolì ed in due ore è a casa tua.
Praticamente la metà del tempo che ho impiegato io  per caricarlo in macchina da Parma, peraltro bloccando il traffico sotterraneo in uscita mentre cercavo di spingerlo nel baule.
Se entri nel tunnel dei materassi on- line difficilmente potrai uscirne illeso. 
È la nuova dipendenza. Dopo i gratta e vinci, i video poker e le sigarette ci sono loro: i materassi! 
Accantonata l'idea di recuperare la mia vecchia  rete di ferro, di unirla al matrimoniale e creare un nuovo letto a tre  piazze, ho deciso di fare un ultimo tentativo e ieri, proprio ieri, ho ordinato un topper in memory foam da legare al materasso con appositi elastici. 
Praticamente se continuo ad impilare roba il problema passerà dalla schiena alla faccia perché la prossima volta che mi girerò nel letto rimarrò impigliata al lampadario!!
Stanotte poi verso l'una di notte mi è venuto un dubbio atroce:
"Amò..." (ebbene sì lo chiamo amò, che è sempre meglio di pucci pucci)
"Ehhhhhhh" 
"ho un dubbio"
"cooooosa?"
"maaaa.... il topper che ho comprato.... l'ho fatto spedire in edicola. C'è scritto che pesa 58 chili... "
Il mio AMO' si sveglia di colpo...
"Ma come fa a pesare 58 chili ? "
"Ah be',  un materasso ne peserà almeno 150" ribatto sicura di me, pensando a quanta fatica ho fatto per infilarlo nella botola del solaio.
" Sei impazzita? Un materasso da  un quintale? Sfondiamo in cucina la prima volta che ci mettiamo a letto..."
"No davvero c'è scritto sul sito!!" 
Non del tutto convinta all'alba delle due meno un quarto riparto alla carica, accendo la luce e lo acceco con l'Ipad.
"GUARDA!!!!!"
Sfinito dai miei sproloqui AMO' cerca  un po di informazioni, poi, con un'espressione indecifrabile mi guarda negli occhi e lentamente mi chiede:
"scusa... ma.... hai comprato un materasso da:  LULU'  DI  TUTTO UN PO'???"
"Eh già... era quello che costava meno" rispondo io sulla difensiva.
AMO' è allibito ed io inizio a realizzare che anche questo topper finirà sul solaio insieme agli altri materassi incartati.
" di NAPOLI....."
"eh già.... Lulu'dituttounpo' di Napoli"
 "Vendono pannelli fonoassorbenti, lastre in poliuretano, tappeti isolanti, velluti ignifughi.... e tu hai preso un materasso??"
Eh quante storie!!! cosa vuoi mai??? una mattina, al limite, ci sveglieremo verde fosforescenti senza mal di schiena!!
Ebbene sì... come ho fatto a comprare un materasso da una che si chiama lulùdituttounpo' di napoli, un topper da 58 chili, made in Germania che arriverà in 15 giorni, non lo so... Deve essere stata l'enfasi dello shopping.
Quasi quasi era meglio che lo ordinassi a Tortolì e comunque "la principessa sul pisello" a me ormai mi fa una pippa, ve lo assicuro dall'alto dei miei 4 materassi. 
Però penso:
" gli piacerebbe, a lui, fare affari con una che si chiama Lulùdituttoun po'... Ehehehe....  i materassi non saranno granché ma il brand ragazzi promette notti che nemmeno l'elefantino giallo di Eminflex poteva soddisfare!!"